Blog Post

Il funerale nell’antica Roma

In questo articolo

  • La veglia funebre romana
  • Il funerale romano e la sepoltura
  • Le cremazioni nell’antica Roma
  • Riti funebri romani

  • I Romani credevano che, se un morto non avesse ricevuto il rito funerario o non fosse stato sepolto, la sua anima vagasse sulla terra affliggendo i parenti che non l’avessero adeguatamente onorato al momento della sua morte.
    Per questo il rito funerario era importante, al punto che lo stato provvedeva direttamente alle esequie dei cittadini più poveri, rispettando così i riti funerari.

    I riti funerari cominciavano con l’agonia del moribondo, al cui capezzale era presente il parente più prossimo che aveva il compito di raccoglierne l’ultimo respiro. Al momento del decesso si avvicinava al moribondo, lo baciava sulla bocca raccogliendo così l’ultimo alito di vita e gli chiudeva gli occhi pronunciando il nome del defunto, iniziando così la conclamatio.

    La veglia funebre romana

    La conclamatio accompagnava la veglia funebre, e le donne della famiglia ripetevano il nome del defunto sino al momento del funerale. Questo rito con il nome ripetuto più volte, aveva anche lo scopo di eliminare il rischio di morte presunta. I ceti più ricchi si potevano permettere il servizio a pagamento delle praeficae, che oltre ad affiancare le donne di casa nella conclamatio, precedevano il feretro durante il funerale, immediatamente dopo i portatori di fiaccola, con i capelli sciolti in segno di lutto, cantando nenie funebri e tessendo le lodi del morto. In alcuni casi gli eccessi delle praeficae si spingevano a strapparsi ciocche di capelli e graffiarsi la faccia per rendere drammaticamente l’immagine del dolore per il defunto.
    Il morto era preparato con unguenti e rivestito con l’abito migliore, che per i più poveri poteva consistere in una toga, preparata e mai indossata prima, e in bocca gli veniva inserita una moneta, l’obolo da versare a Caronte per attraversare l’Ade. Il corpo così preparato era posto su un alto letto, ai lati del quale si disponevano dei candelabri, pronto per ricevere l’ultimo saluto di vicini, amici e parenti.

    Il funerale romano e la sepoltura

    I funerali erano organizzati dai libitinarii, che predisponevano il corteo con il feretro trasportato a spalla dalla casa del defunto sino al luogo dell’inumazione o cremazione che, per legge, doveva essere al di fuori del centro abitato.
    Il corteo funebre era preceduto da portatori di fiaccola, seguiti, se assoldate, dalle praeficae e suonatori. Il feretro era quindi seguito dai parenti, con i maschi vestiti con vesti nere.
    La sepoltura era il rito più comune. Per le classi sociali più povere avveniva nel terreno, e il corpo inumato era coperto da mattoni o tegole spioventi. Sulla tomba era posto un segnacolo, costituito da un vaso o da un’anfora. Come forma di monumentalizzazione della tomba, chi poteva permetterselo usava come segnacolo una stele. La tomba di uno o più individui poteva essere delimitata da un recinto, e al suo interno veniva coltivato un giardino per rendere piacevole la permanenza al visitatore.
    Se le disponibilità economiche della famiglia lo permettevano, si realizzavano sepolcri ipogei realizzati in opera e decorati al loro interno, in cui venivano sepolti, oltre agli appartenenti della famiglia, anche servi e liberti.
    Se il defunto era deposto in un sepolcro in pietra, veniva versato sul corpo della terra, per garantire il contatto purificatore tra terra e corpo.

    Le cremazioni nell’antica Roma

    Le cremazioni avvenivano, per le classi meno abbienti, sul luogo stesso della sepoltura. La pira era di forma rettangolare, composta di legno misto a papiro per facilitarne la combustione.
    Prima di procedere alla cremazione al defunto era tagliata una parte del corpo, generalmente una falange del dito, per essere sepolta a contatto con la terra e consentire la purificazione della salma. Un parente accendeva quindi la pira che era spenta, a cremazione ultimata, con del vino. I resti erano raccolti in urne di terracotta che potevano essere poi interrata o tumulata all’interno di colombari. Le urne avevano un condotto che consentiva l’afflusso di cibi e bevande che erano offerte al defunto.

    Riti funebri romani

    Terminata la sepoltura o la tumulazione, si consumava il pasto funebre (silicernium) direttamente sul luogo della sepoltura, che doveva essere consumato esclusivamente dagli invitati e gli eventuali avanzi erano distrutti affinché nessun altro avesse potuto cibarsene.
    La casa del defunto era considerata impura, e veniva ornata da rami di cipresso e tasso, così che tutti potessero essere avvisati della condizione di lutto.
    Dopo nove giorni, sempre sulla tomba del defunto, si celebrava la coena novendialis, che segnava la fine del periodo di lutto.
    Dopo il novendiale la casa era spazzata e lavata a fondo per essere purificata, e venivano rimossi i rami di cipresso e tasso che la ornavano durante il periodo di lutto.

    Related Posts

    chi è la polizia mortuaria
    Chi è la polizia mortuaria?

    La polizia mortuaria ha il compito di controllare l'osservanza della normativa vigente in materia

    medico-necroscopo
    Chi è il medico necroscopo?

    Il medico necroscopo è il medico dell'Unità sanitaria locale incaricato di certificare il decesso

    telegramma di condoglianze
    Telegramma di condoglianze

    In questo articolo Ha ancora senso oggi inviare il telegramma per esprimere le condoglianze? Come inviare

    funerali di stato e funerali solenni
    Funerali di Stato e funerali solenni

    In questo articolo I funerali di Stato Il cerimoniale dei funerali di Stato I costi del funerale

    come comportarsi a un funerale
    Come comportarsi a un funerale

    Come comportarsi o vestirsi in occasione di un funerale, e quali regole osservare se

    decesso in casa: cosa fare?
    Cosa fare se il decesso avviene in casa

    La morte di un congiunto è sempre un avvenimento doloroso che sconvolge la nostra

    la-sucessione
    La successione

    Passato il giorno del funerale, arriva il momento di affrontare le pratiche burocratiche che

    detrazione spese funebri
    Detrazione spese funebri

    In questo articolo Chi può detrarre l'importo Quali spese si possono detrarre Le spese sostenute per un

    veglia funebre
    La veglia funebre

    La veglia funebre è il momento in cui, prima del funerale, parenti e amici

    esumazione della salma
    Esumazione della salma

    In questo articolo Che cos'è l'esumazione Esumazioni ordinarie Adempimenti per l'esumazione Esumazioni straordinarie I costi dell'esumazione Che cos’è l’esumazione L’esumazione della

    elaborare il lutto
    Elaborare il lutto

    Quando si perde una persona a noi cara, il dolore è così forte che

    costo di un funerale con cremazione
    Costo di un funerale con cremazione

    In questo articolo Quanto costa un funerale con cremazione I costi di cremazione Cremazione gratuita Quanto costa una

    il funerale nella grecia antica
    Il funerale nella Grecia antica

    In questo articolo La veglia La cerimonia funebre e i riti funebri Nell’antica Grecia, quando moriva un

    il funerale laico
    Il funerale laico

    in questo articolo Dove svolgere il funerale laico Come si svolge il funerale laico Il funerale ha

    differenza tra esumazione ed estumulazione
    Differenza tra esumazione ed estumulazione

    In questo articolo Quali sono le differenze tra esumazione ed estumulazione? Esumazione ed estumulazione straordinaria Dopo

    quanto costa un funerale
    Il costo di un funerale

    In questo articolo: quanto costa un funerale costo medio di un funerale I funerali economici Costo del funerale